>Sotto questo tetto…

>

…C’è un po’ di confusione… un po’ di folla,direi!
Tra persone in carne ed ossa e spiriti benevoli stiamo alquanto stretti,ma il calore familiare non manca.
Chi siamo?
Provo a darvi un’idea.
Io sono Melia, mamma incasinata e sentimentale, che oscilla tra creatività e pigrizia,perennemente in lotta con se stessa, alla ricerca dell’equilibrio ideale tra adolescenza e maturità, tra follie e assennatezza, tra gonne gitane e tailleur,tra DocMarteens e tacchi alti, tra Kundera e Stephenie Meyer, tra Fiorella Mannoia e i Led Zeppelin…Ecco…. una bipolare insomma!
Poi c’è Lui, il Nero, uno che quando l’ho conosciuto mi ha detto che il titolo ideale di un suo possibile libro sarebbe stato “Seppellitemi sotto un albero di cotolette”, uno che riesce ad applicare lo swing alla preparazione di un arrosto ben riuscito, uno che ama fotografare cimiteri di guerra e periferie desolate…uno che ha un umorismo dolce e delicato come carta vetrata… il mio uomo.
Arriviamo ai pargoli.
Mandorla (nella versione dolce perfetta in ogni piatto; in quella amara,da sempre associata all’odore del più tradizionale e romanzesco dei veleni): tipico esemplare di adolescente post moderna, Facebook dipendente, glamour obbligata.
Hoogan, Pinko bag e skinny jeans d’ordinanza.
E’ l’esponente fashion della famiglia.
Tra una barretta ipocalorica,due foglie di insalata e uno yogurt magro, comunica con noi tramite msn anche se si trova nella stanza accanto.
Linguaggio minimal ridotto a grugniti distratti e sguardi insofferenti.
Un’adolescente assolutamente normale quindi.
Cioccolato: ultimo anno di scuola materna, batterista folle, orecchio assoluto.
Se suo padre sta suonando la chitarra ed è sotto di un quarto di tono, si precipita urlando come un’aquila e glielo corregge.
Abbiamo fatto la prova diapason: non sbaglia mai.
Usa internet come un hacker consumato, ama i Rolling Stones e tutto ciò che contenga del cacao anche in tracce… anche in fantasia volendo.
Per fargli mangiare la frutta gli dico che è budino di cioccolato ed è fatta.
Fragola: che dire di lei?
Non ha neanche 4 mesi e già mi guarda con aria perplessa se le mie performance non sono di suo gradimento.
Ama la tetta sopra ogni cosa,ma non disdegna il suo pollice, guai a darle il ciuccio però: assume all’istante un’aria da martire e lo sputa dopo mezzo secondo con l’espressione schifata di chi non ama sentirsi imbrogliata; vive appesa alla mia pancia (ebbene si, sono una mamma canguro: ho speso un capitale in fasce e Mei Tai) e se la dorme tranquilla… finchè non la metto giù.
Ultimamente ha assunto una certa aria da bracco italiano: ha le guance col riporto.
La Nonna: mia madre. Poche parole per definirla:senza di lei tutta la baracca andrebbe a rotoli. Stop.
Non gradisce che si parli di lei.
La Zia: sorella di mia madre e vicemamma a tutti gli effetti.
Creatura magica a metà fra un giullare e un angelo custode, se hai bisogno di qualcosa, qualunque cosa, da un prestito ad una spalla su cui piangere, da una parmigiana perfetta ad un consiglio sui massimi sistemi, basta fare un fischio.
Eccezionale.
La Bisnonna: è lei il grande spirito benevolo che guida e protegge questa gabbia di matti.
Me la immagino affacciata da un Paradiso fatto di dolci al cioccolato e buone letture… un po’ di opera e di sinfonica e qualche partitina a scala quaranta…. si, dovremmo esserci!




Aggiungiamo tre gatti di cui uno diabetico a cui somministrare l’insulina due volte al giorno, una corte di amici e parenti variamente schizzati ( cioè normalissimi, ma la vita mi ha insegnato che ogni essere umano potrebbe essere il protagonista di un romanzo fantasy) ed il quadro è completo!

Annunci

Informazioni su Melia

Mi chiamo Valentina, Melia è il diminuitivo di Melissa, il nome della mia gatta nera. Sono una che scrive, da sempre, e che lotta, da sempre. E che cresce con i propri figli. Da sei anni.
Questa voce è stata pubblicata in Famiglia. Contrassegna il permalink.

3 risposte a >Sotto questo tetto…

  1. Mia ha detto:

    >Mi è sembrato di essere a casa vostra!Grazie per avermi fatto entrare…

  2. Anonymous ha detto:

    >Ciao!che blog simpatico!!!posso chiederti se per caso sei sarda?:-)complimenti, cercherò di seguirti finchè posso!!(ho anche io due pupi uno di 2 anni e l'altra di 4 mesi!)

  3. Melia ha detto:

    >Ciao!No,non sono sarda, sono siciliana!Benvenuta tra noi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...