>"E invece non finisce mai…."

>

Il buon professore vincitore di Sanremo si riferiva all’amore.
Nel mio caso invece il soggetto è decisamente più terra terra!
Finirò mai di aprire scatoloni, buttare scatoloni vuoti, accatastare scatoloni ancora pieni, dribblare scatoloni in procinto di franare, frugare negli scatoloni, fare slalom tra gli scatoloni….
Me li sogno pure la notte….
E come se tutto questo incubo di cartone farcito di ricordi e oggetti di prima necessità non dovesse essere sufficiente… ciliegina sulla torta!
Immaginate di avere trascorso gli ultimi mesi di una gravidanza difficile, nel caldo torrido del luglio siciliano, a scegliere con cura piastrelle, decori, rubinetti, pavimenti…. mattonellina per mattonellina, con amore e dedizione, sapendo che questa sarebbe stata la casa della mia vita…
Immaginate di amare il vostro nuovo bagno con la trepidazione di una sposa novella alle prese con la prima notte di nozze (traduco: “Aaaaarghhhh!!!!! C’è un graffio di 0,00005 picomicron sul lavandino!”).
Immaginate di cullare con lo sguardo di una madre devota i rubinetti a margherita che brillano nella luce soffusa del tramonto.
Immaginate tutto questo.
E immaginate adesso di entrare in cucina e vedere un’enorme chiazza di umido che si allarga a dismisura su parete e tetto e che questa chiazza provenga esattamente da quel bagno.
Mirabile sintesi del Comandante “Ma comu biiip travagghianu chissi!? S’a rumpere u bagnu!”
Per i non bilingue: “Ma come biiiip lavorano questi (leggi: le maestranze)?! si deve rompere il bagno!”.
Non c’è bisogno che immaginiate i fiumi di lacrime che la sottoscritta ha versato in nottata.
Quindi, riassumo: la cucina si deve rifare xkè c’è stato un errore nel progetto dei pilastrini, il bagno si deve rifare non sappiamo ancora bene il perchè!
Vi prego… Qualcuno di voi conosce un bravo esorcista?

Annunci

Informazioni su Melia

Mi chiamo Valentina, Melia è il diminuitivo di Melissa, il nome della mia gatta nera. Sono una che scrive, da sempre, e che lotta, da sempre. E che cresce con i propri figli. Da sei anni.
Questa voce è stata pubblicata in Casa, Famiglia. Contrassegna il permalink.

2 risposte a >"E invece non finisce mai…."

  1. Erika ha detto:

    >Stai scherzando?! Altro che esorcista, fosse capitato a me avresti sentito le urla da Roma a Catania! Più che un bravo esorcista prova ad entrare in una comunità di bonzi: giusto con i precetti del buddhismo ti salvi da una crisi di nervi con un casino di tale portata! Eh, eh!

  2. Melia ha detto:

    >Potrebbe essere un'idea!Stavo giusto pensando che Fragola possiede un trillino il cui suono ricorda tanto le campanelle tibetane…. Mmmmhh…. Mi sa che qualche volta glielo frego!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...