>Pietà!!!!!

>

Mai, mai cantare vittoria!
Pensi che i tuoi figli siano riusciti a scappottarsi l’influenza killer dell’inverno e te li ritrovi stracotti all’inizio della primavera!
Fragola tiene il naso a fontana,l’occhio canino e la fronte appiccicosa, e Ciock tossisce come un camionista che si faccia tre pacchetti di Malboro al giorno!
Risultato: notti insonni, trascorse sul divano con la piccola in braccio, in posizione verticale, chè appena provo a metterla giù comincia a rantolare, e in sottofondo l’ameno concerto di Ciock.
Di conseguenza, rincoglionimento totale per tutta la giornata.
Inevitabile corollario: lunga lista di disastri perpetrati dalla mamma-zombie, causa carenza cronica di sonno.
Per capirci.
Distruzione del mio anello Thun preferito, che mi è letteralmente volato dalle mani.
Vaglielo a spiegare ad un anello a forma di farfalla, che tentare esperimenti di volo da un metro e mezzo di altezza, giù verso il pavimento, non è molto raccomandabile, se sei una farfalla di ceramica.
Griffata, ma pur sempre ceramica.
Come il cesso, per intenderci.
Il mio anello più amato.
Omaigod!
A seguire: esplosione del vasetto di passato di verdure di Fragola, dentro il microonde, causa temperatura troppo alta e tempo troppo lungo.
MW da ripulire con la fiamma ossidrica.
E ancora.
Riduzione di un golfino di Fragola a dimensioni Holly Hobbie, causa dimenticanza nell’acqua calda.
Sale nel caffè al posto dello zucchero (non ce l’ho messo, mi sono fermata appena in tempo, con già il cucchiaino a mezz’aria).
E la giornata non è ancora finita.
Continuando di questo passo, infilerò Ciock in lavastoviglie e le posate nella vasca da bagno.
Ora io dico.
Quando si è in queste condizioni, sarebbe meglio evitare qualsiasi attività, o si rischia di trasformarsi in una calamità naturale.
Senza considerare che sto ingaggiando una vera e propria battaglia con la mia ultimogenita per riuscire a somministrarle l’Oscillo Coccinum sciolto nella camomilla, impresa quasi impossibile, considerando che la suddetta pargola non ne vuole sapere di prendere il biberon.
Vi prego, fate qualcosa.
Sparatemi per esempio.


PS: un consiglio per tutte le mamme di bimbette ottomesenni vagamente stitiche.
Andateci piano con il brodo vegetale.
Si rischia di raccogliere cacca (dopo due giorni di astinenza) nell’ordine, da: figlia, panno,body, calzamaglia, pigiama, telino soprafasciatoio, fasciatoio, stipite della porta, pavimento e… beh, ovvio… da voi stesse (capelli compresi).


PPS: ovviamente io sto qui a sbrodolarmi addosso lamentele da mamma stressata e insonne e nel frattempo una certa nube radioattiva sorvola l’Italia.
Sic.

Annunci

Informazioni su Melia

Mi chiamo Valentina, Melia è il diminuitivo di Melissa, il nome della mia gatta nera. Sono una che scrive, da sempre, e che lotta, da sempre. E che cresce con i propri figli. Da sei anni.
Questa voce è stata pubblicata in Noi, Pargoli, Scazzamenti. Contrassegna il permalink.

4 risposte a >Pietà!!!!!

  1. Mia ha detto:

    >Sei messa molto bene vedo comare!!!!!Complimenti! ^-^

  2. Melia ha detto:

    >Non mi lamento….

  3. esther ha detto:

    >hihihihi alla cacca nei miei capelli non ero ancora arrivata…vabbè che ho sempre tempo di recuperare col secondo, meglio che non me la tiri troppo!Senti se vuoi il colpo di grazia ti posso prestare isabel…sta mettendo i molari….

  4. Melia ha detto:

    >@Ester… grazie, ma… anche no!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...